Home Cronaca Torna a Bolzano la truffa del finto arresto: massima attenzione ai nostri anziani

Torna a Bolzano la truffa del finto arresto: massima attenzione ai nostri anziani

Tentativo di raggiro ai danni una signora bolzanina: "Suo figlio ha causato un incidente. Paghi la cauzione o lo arrestiamo"

by Redazione BQ

Torna anche a Bolzano la truffa del finto arresto. Nella giornata di ieri (26 ottobre) una pattuglia della Squadra Volante ha ricevuto la segnalazione di un’anziana signora bolzanina che aveva appena ricevuto una chiamata sulla propria utenza cellulare da una persona che le raccontava come il figlio avesse causato un incidente stradale gravissimo e che, per evitarne l’arresto, le chiedeva, a titolo di cauzione, denaro o monili.

Visto lo stato di agitazione della donna, i poliziotti l’hanno accompagnata sul luogo di lavoro del figlio (temporaneamente non raggiungibile telefonicamente) per rassicurarla sulle sue condizioni di salute. 

Si tratta di chiamate fraudolente dirette anche sulle utenze cellulari, oltre che su quelle domestiche, e sono tutte finalizzate alla consegna di denaro per i motivi più fantasiosi. Pertanto, il consiglio da tenere a mente è quello di richiedere SEMPRE l’intervento delle Forze dell’Ordine, contattando il 112 NUE.

Nel caso sopra citato “la Questura di Bolzano, che ha avviato le indagini per individuare il malfattore e che è già impegnata nelle serate informative organizzate dal Comune di Bolzano nella campagna “Fidarsi è bene, ma non di tutti”, invita tutti, e in particolar modo le persone anziane, a prestare massima attenzione a tale tipo di richieste telefoniche“, si legge in una nota.

 

Articoli correlati

Logo Bolzano Quotidiano WH

R.G. 247/2023 Tribunale di Bolzano Reg. Stampa 1 – Editore Maglione Massimiliano

Copyright © 2023 BolzanoQuotidiano – All rights reserved – Powered by Emotion Media

Rilevato Adblock

Supportaci disabilitando l'estensione AdBlocker dal tuo browser